La bagarre della Parity Rate

Per gli hotel, la questione parity rate è una moneta a due facce: da una parte vorrebbero poter pubblicare in rete tariffe più basse di quelle delle agenzie online, per poter acquisire quote sempre maggiori di prenotazioni dirette. Dall’altra, gli stessi hotel devono stare ogni giorno attenti a che i player dell’intermediazione web non pratichino prezzi inferiori ai propri, pena anche in questo caso la perdita di preziose vendite dirette. E sotto questo punto di vista, il lavoro che attende gli albergatori è ancora molto. Soprattutto quando si parla di soggiorni più lunghi del pernottamento singolo. Lo rivela un recente studio della società di consulenza, Triptease, che ha analizzato il comportamento delle tariffe online di 17 mila alberghi. La ricerca evidenzia, in particolare, come i prezzi dei soggiorni di una notte siano sostanzialmente ben monitorati dagli operatori dell’ospitalità, che appena nel 5,8% dei casi non si accorgono della presenza online di tariffe più basse delle proprie. Tale percentuale tuttavia aumenta all’allungarsi della permanenza, fino ad arrivare a un picco del 16% per i soggiorni di dieci notti. Molte sono ovviamente le cause alla base di tale tendenza. Prima di tutto, le prenotazioni brevi sono nettamente più frequenti di quelle lunghe. È quindi normale che gli albergatori concentrino maggiormente la propria attenzione su queste. Inoltre gli acquisti di più notti avvengono solitamente con un discreto anticipo, e sono perciò più difficili da analizzare. Ma c’è anche da dire che le agenzie online sono ben consapevoli del fenomeno, per cui tendono a focalizzare le proprie strategie più aggressive soprattutto su queste tipologie di soggiorni. Infine, va pure ricordato che i booking engine più diffusi sul mercato sono solitamente in grado di gestire contemporaneamente un massimo di due tariffe promozionali. Al contrario i software delle Ota sono molto più avanzati e sono capaci di combinare tra loro un numero maggiore di politiche tariffarie.

Posted on 2 luglio 2017 in Destinazioni, Incoming, Journal

Share the Story

About the Author

Pierluigi Polignano. Economista del Turismo, fondatore di “Made in Puglia®”

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top