Turismo 4.0: c’è Trip Consideration

Nonostante il polverone sollevato da Cambridge Analytica, il 6 marzo Facebook ha ufficialmente lanciato, per ora solo nel mercato USA, un nuovo prodotto completamente dedicato al mondo dei viaggi e del turismo in generale.

Si chiama Trip Consideration e si propone come aiuto agli inserzionisti del settore turistico, con il quale sarà possibile raggiungere gli utenti che hanno manifestato la volontà di partire in viaggio, ma che non hanno ancora un’idea ben precisa della meta da raggiungere.

Ad aver una spinta decisiva allo sviluppo di Trip Consideration, potrebbero aver contribuito i dati che si leggono in una recente analisi dello scorso anno (condotta da destination analysts), che mostra quali siano i metodi utilizzati dai Millennial americani per pianificare un viaggio.

Durante il sondaggio, il 71,4% dei Millennial intervistati ha affermato di aver utilizzato user generated content (contenuti generati dagli utenti) per la pianificazione dei propri viaggi ed in molti casi questi utenti, non sanno esattamente dove andare o quale possa essere la meta “perfetta” in quel preciso momento.

Con questo nuovo tool sarà possibile mostrare le offerte e le destinazioni più popolari, con l’intento di incoraggiare e stimolare gli utenti a prenotare la loro prossima vacanza in una destinazione specifica, intervenendo così nel processo decisionale di scelta della destinazione.

Questo nuovo strumento di Facebook opera con le funzioni di targeting già esistenti sulla piattaforma, con l’intento di aiutare gli operatori turistici del web travel marketing a pubblicare annunci giusti, per le persone giuste e al momento giusto.

 

Posted on 24 marzo 2018 in Big Data, Destinazioni, Journal

Share the Story

About the Author

Pierluigi Polignano. Economista del Turismo, fondatore di "Made in Puglia®"

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top